Menu Chiudi

Francesco Pistilli

Francesco Pistilli è un fotoreporter free-lance italiano. Nel 2018 ha ottenuto il terzo posto nella categoria General News, Stories di World Press Photo con il lavoro “Lives in Limbo” da cui sono tratte alcune delle seguenti immagini. Le altre sono del lavoro “Into the Dark Underbelly of Factory Farming (Italy)”.

Clicca per scoprire altre informazioni su Francesco Pistilli e altre informazioni sulla serata, oppure scorri oltre la gallery.

Scheda incontro
Data: giovedì 24 gennaio 2019 ore 21:00

Location: Sede associazione Shoot, via F. Garofoli 233, S. Giovanni Lupatoto VR

Costo

Per partecipare all’incontro è necessario iscriversi all’associazione SHOOT, il costo annuale è di 15€.

La tessera dà diritto a partecipare ad un incontro gratuitamente. Il contributo spese, a singolo incontro, per gli altri in programma è di 10€.

ISCRIVITI!o chiedi ulteriori informazioni

Autore
Francesco Pistilli è un fotografo e videomaker italiano. Il suo lavoro è stato pubblicato e distribuito su numerose riviste internazionali e nazionali. Attualmente si occupa di reportage e ritratto editoriale dai contenuti politici, sociali e ambientali.

Per le NGO e per l’editoria ha lavorato in Sierra Leone, Repubblica Centrafricana, Sudan, Filippine, India, Brasile, Palestina, Costa Rica, Uruguay, Egitto, Ungheria, Grecia, Serbia, Indonesia e Turchia.

Quest’anno Francesco ha vinto il terzo posto al World Press Photo 2018 nella categoria General News Stories. Le sue immagini state pubblicate da: TIME, New York Times, BBC, M le Magazine du Monde, L’Espresso, Internazionale, Politico, Wired, Elle, D di Repubblica, Vanity Fair, Corriere della Sera e molti altri.

Vite nel Limbo (Lives in Limbo)

La stretta sulla cosiddetta rotta dei Balcani verso l’Unione Europea ha bloccato migliaia di rifugiati che tentavano di viaggiare attraverso la Serbia per cercare una nuova vita in Europa. Molti hanno passato un gelido inverno in capannoni industriali abbandonati dietro la stazione dei treni di Belgrado. L’UNHCR riporta che il numero di rifugiati in Serbia è cresciuto da 2000 a giugno del 2016 a più di 7mila alla fine dell’anno. Circa l’85% è stato accolto in strutture messe a disposizione dal governo, il resto ha dovuto ricorrere a strutture di fortuna nella capitale.

Visita il suo sito

Visita la sua pagina sul sito World Press Photo

Visita la pagina del progetto Into the Dark Underbelly of Factory Farming (Italy)

Seguici e condividi il post!
0